La storia dell’Archivio Storico Comunale “Franco Miele”

foto la storia
1978 Grazie all'opera del locale "Gruppo di intervento per l'archivio storico", finanziato con L. R. 10/7/1978 n. 32 e coordinato dalla direttrice dell'Archivio di Stato di Latina, fu iniziato un lavoro di recupero dell'Archivio allora accatastato presso il deposito della nettezza urbana. Allora l'archivio venne disinfestato e le carte, descritte in un elenco di consistenza, vennero depositate presso la locale biblioteca comunale.
2000 Con l’istituzione ufficiale dell’Archivio storico le carte vennero trasferite dalla biblioteca nella nuova sede in via Lavanga all’interno dell’edificio dell’antica Caserma borbonica. In quell’occasione l’Amministrazione predispose un finanziamento, con fondi propri, per l’ordinamento e l’inventariazione di tutto l’aggregato documentario. I lavori, svolti tra il 2000 e il 2001, sono stati realizzati dalla dott.ssa Monica Valeriano per conto della Soc. Cooperativa di produzione di beni e servizi per i beni culturali (BES), sotto la supervisione della dott.ssa Cristina Castiglione della Soprintendenza archivistica per il Lazio e il supporto scientifico del dott. Vincenzo De Meo. In quell’occasione venne redatto un inventario di massima senza tenere conto delle partizioni storiche (Restaurazione, Regno, Repubblica).
2005 La dott.ssa Anna Burdo del Centro di Documentazione Regionale della Regione Lazio (CRD), comandata per un periodo presso l’Archivio storico di Formia, ha proceduto al riordinamento e alla reinventariazione della parte relativa al periodo Preunitario. Tale lavoro, rimasto incompiuto, ha compromesso l’ordine originario di quella parte della documentazione che non è stato più ripristinato.
2008 L’intero Archivio venne traslocato presso la Biblioteca Comunale Pasquale Testa e lì collocato dove è rimasto in deposito fino al 2013.
2013 Grazie all’impegno dell’Amministrazione comunale e in particolare per volere del sindaco Sandro Bartolomeo, dopo un lavoro di censimento e di condizionamento della documentazione portato a termine dallo staff di lavoro composto dalle dott.sse Stefania Conte e Noemi Adipietro e coordinato dal dott.Vincenzo De Meo, l’Archivio è stato definitivamente trasferito dalla Biblioteca comunale alla nuova sede nei locali della storica Torre di Mola.
2014-2016 Attraverso lavoro dello staff sopra indicato, sono state acquisite nuove aggregazioni documentarie (versamento della documentazione storica conservata presso l’archivio di deposito comunale; si è proceduto all’ordinamento definitivo e all’inventariazione di alcune serie (Delibere di Consiglio e Giunta,Protocolli) e dell’intero corpo documentario della sezione Preunitaria e degli archivi degli ex Comuni di Maranola e Castellonorato;
2016 con l’intervento della società SIT Servizi di Informazione Territoriale si è proceduto alla digitalizzazione completa delle serie delle Delibere del Decurionato, del Consiglio, della Giunta, del Podestà e dei Commissari prefettizi per un totale di circa 14.000 scansioni.
Nello stesso anno è stato acquisito al patrimonio il fondo privato del prof. Giovanni Bove da lui donato all’archivio insieme ad una consistente biblioteca di monografie sulla storia del territorio.
© 2017 Archivio Storico Formia. Tutti i diritti sono Riservati